La mentoplastica è l’intervento di chirurgia estetica che permette di correggere i lineamenti del viso andando ad operare direttamente sul mento.

 

L'intervento può avvenire con procedure di mentoplastica additiva, realizzata con protesi o iniezioni di fillers permanenti o riassorbibili che hanno lo scopo di delineare in maniera più incisiva il mento sfuggente, o mentoplastica riduttiva, ovvero eliminando parte della superficie ossea in eccesso che causa la prominenza o spigolatura del mento.
Se nelle donne le conseguenze psicologiche di un mento troppo sporgente, troppo delineato, mascolino giocano un ruolo importantissimo nella decisione che le porta a sottoporsi a mentoplastica riduttiva, nei pazienti uomini è, invece, la mancanza di tali connotazioni tipicamente maschili ad essere la molla che li spinge a ricorrere alla chirurgia plastica del mento o mentoplastica additiva.

 

 

 

La differenza tra esigenze femminili e maschili riguardo i lineamenti (in particolari la conformazione del mento) appena formulata non è così netta bensì rappresenta solo le richieste più frequenti che sono rivolte al Dott. Clemente Zorzetto in sede di visita. Con meno frequenza ma in numero sempre crescente, ci sono donne che vedono nella mentoplastica la soluzione al loro desiderio di lineamenti più decisi e meno sfuggenti così come pazienti uomini che vorrebbero armonizzare, addolcire i loro profili lavorando proprio sul mento.
Oltre alla componente psicologica è doveroso sottolineare anche quella funzionale legata alla salvaguardia della corretta masticazione ed occlusione dell’arcata dentaria.
La mentoplastica, oltre a correggere il mento asportando parte dell’ossatura in eccesso o utilizzando protesi per conferire maggiore importanza al mento sfuggente, è la procedura di chirurgia estetica che permette di intervenire e correggere le asimmetrie del volto dovute anche a cause congenite..