Lo scopo principale degli intervento di chirurgia plastica di liposuzione e di liposcultura è quello di rimodellare il corpo del paziente eliminando parte delle cellule adipose in cui si concentra il grasso in eccesso per effetto della predisposizione genetica.

La liposuzione non è e non deve essere presentata come la soluzione alternativa alle diete dimagranti o più in generale alla corretta alimentazione capace di circoscrivere e tenere sotto controllo l’eccessiva concentrazione di adipe nel corpo.
Le cellule adipose eliminate grazie alla liposuzione non possono riformarsi quindi il grasso eliminato non tornerà mai più.
L’intervento di chirurgia estetica definito liposuzione è una delle tre procedure maggiormente richieste dai pazienti ed anche ricercata in rete. A tale proposito, proprio in Internet e sui mensili, si può notare il proliferare di termini come ad esempio: liposuzione, liposcultura, micro-liposcultura, mega-liposuzione ed altre che creano una certa confusione a chi naviga per cercare una soluzione al problema del grasso accumulato in eccesso in determinati punti del corpo poiché di questo si tratta.
In questa sezione del sito del Dott. Clemente Zorzetto si cercherà di fornire, a tutte le persone interessate, non solo la descrizione delle differenze tra le diverse procedure chirurgiche volte a risolvere il problema dell’adipe localizzato e di difficile smaltimento bensì anche gli elementi che accomunano tali tecniche di lipoaspirazione e della loro evoluzione nel tempo fino ad arrivare alle tecniche di liposuzione maggiormente utilizzate oggi.

 

 

 

Causa dell'accumulo di grasso

Numerosi studi hanno dimostrato come durante la fase di sviluppo il nostro corpo produca anche cellule adipose dette adipociti che sono le responsabili dell’accumulo del grasso.
Terminata la fase puberale, il numero di adipociti non aumenta più nel tempo ma a cambiare è il volume di queste cellule. L’aumento di peso è determinato quindi dall’aumento del volume delle cellule adipose. Non esistono fattori che possano aiutarci a capire come e quali di queste cellule si modificheranno nel tempo e quali, invece, rimarranno costanti poiché i cambiamenti sono il risultato di molteplici concause prima fra tutte il fattore ereditario ovvero il nostro DNA a cui può far seguito una disfunzione ormonale (congenita od indotta) ed, ovviamente, comportamenti ed alimentazione non del tutto corretti.
Indipendentemente dalle cause che hanno provocato l’accumulo di grasso, sta di fatto che il nostro corpo cambia ed in alcuni casi, nonostante gli sforzi compiuti per smaltire i chili presi, l’ago della bilancia rimane sempre fermo ed è proprio questo immobilismo che spinge molte persone a pensare all’intervento di chirurgia plastica di liposuzione o liposcultura.
In base all’ultima affermazione il Dr. Zorzetto, chirurgo estetico, desidera chiarire che l’accumulo del grasso in alcune zone non è determinato solo dai chili in eccesso poiché anche in persone cosiddette “normopeso” (ovvero persone che non sono in sovrappeso) è possibile riscontrare un cambiamento del profilo dovuto proprio alla concentrazione di materiale adiposo in alcune zone del corpo piuttosto che in altre e tale predisposizione è congenita. In altre parole, se il fattore ereditario stabilisce che il serbatoio delle riserve (fisiologiche e naturali) di materiale adiposo debbano essere gli adipociti situati nelle natiche, sui fianchi e nelle cosce non c’è dieta o ginnastica che possa cambiare questa regola dettata da madre natura. Ovviamente una corretta alimentazione associata a diete moderatamente ipocaloriche ed attività fisica potrà migliorare l’aspetto estetico ma non potrà mai eliminare il problema alla radice poiché ogni singola risorsa di grasso che il corpo considera necessaria sarà indirizzata proprio nelle zone geneticamente deputate all’immagazzinamento.

 

Accumulo di grasso: differenza tra uomo e donna

Come premesso nel paragrafo precedente, non è possibile stabilire a priori quali adipociti modificheranno il loro volume nel tempo e quali invece rimarranno costanti poiché tale predisposizione è essenzialmente genetica. Nel corso degli anni, però, la medicina ed in particolare la chirurgia estetica hanno potuto individuare due differenti tipologie di persone (ginoide ed androide) che possono essere ricondotte alla differenza esistente tra uomo e donna nelle differenti zone in cui il grasso viene accumulato.
Nella donna (tipologia ginoide) è la metà inferiore del corpo ad essere maggiormente interessata e l’eccesso di adipe è facilmente individuabile in zone quali ad esempio: natiche (soprattutto la parte bassa ed esterna), cosce, ginocchia, gambe ed anche braccia. La liposuzione su un paziente di tipo ginoide avrà proprio lo scopo di andare ad aspirare il materiale adiposo concentrato proprio in queste zone appena descritte
Nell’uomo (tipologia androide) i punti critici e maggiormente colpiti dall’aumento del volume degli adipociti quindi da un eccesso di grasso sono: i fianchi (le cosiddette “maniglie dell’amore”), l’addome, il torace ed il seno.
Le differenze tra uomo e donna nelle zone in cui il grasso tende a concentrarsi in maniera più evidente non sono così nette come potremmo essere portati a credere. Soprattutto d’estate, in spiaggia, è possibile notare donne con eccessiva concentrazione di grasso sull’addome e, al contrario di quanto accade solitamente, tali soggetti sono caratterizzati da gambe molto sottili proprio come accade nella maggior parte degli uomini.
Fino a questo momento abbiamo visto quali sono le cause che determinano la modifica del nostro corpo a seguito di un aumento di peso ed abbiamo visto anche quali sono le differenze esistenti tra uomo e donna (anche se sarebbe più corretto dire tra le due tipologie di persone elencate).
Ma qual è la risposta della chirurgia estetica a questo problema ?
L’idea di fondo che sta alla base della soluzione prospettata dalla chirurgia plastica e che accomuna le differenti tecniche chirurgiche adottate ed evolute nel tempo è quella di aspirare il grasso, in una parola “Lipoaspirazione”.
Perché allora esistono così diverse accezioni quali ad esempio liposuzione, liposcultura, lipostruttura, mega-liposuzione etc.