Malaroplastica – Aumento degli zigomi

La malaroplastica (più comunemente definita “aumento degli zigomi”) è l’intervento di chirurgia estetica che ha lo scopo di rimodellare gli zigomi attraverso differenti tecniche che prevedono l’utilizzo di altrettanto differenti materiali come: protesi zigomatiche, fillers (sostanze di riempimento biocompatibili) o Lipofilling/Lipostruttura (riempimento con tessuto adiposo autologo).
Il Dott. Clemente Zorzetto precisa che la malaroplastica può servire anche a correggere la asimmetria degli zigomi, situazione in cui uno zigomo risulta, per cause che non stiamo ad elencare, più convesso (sporgente) rispetto all’altro oppure più “piatto”.
La bellezza spesso è data anche dall’armonia del viso che a sua volta è il risultato del perfetto equilibrio dei suoi componenti ovvero: occhi, naso zigomi e mento. La zona centrale del viso è la parte che entra subito in contatto con il nostro interlocutore o con chi incrocia il nostro sguardo quindi è il nostro biglietto da visita.
Un viso ben proporzionato è capace di infondere piacevolezza, al contrario l’eccessiva importanza del mento che predomina sugli altri elementi del volto o occhi particolarmente segnati da “borse” infondono l’idea di stanchezza, trascuratezza quasi di affanno ed a sottolineare questa situazione ci pensano gli zigomi poco pronunciati (ipotrofia) o “svuotati”.
A stabilire il tipo di tecnica chirurgica da adottare per aumentare gli zigomi ci pensa il chirurgo estetico in sede di visita preliminare in base anche ai risultati estetici che il/la paziente desidera.
Esiste un ampio ventaglio di metodiche per aumentare gli zigomi che, principalmente, si possono catalogare in permanenti o temporanee.
L’utilizzo di tecniche chirurgiche che producono il temporaneo aumento degli zigomi permette al/la paziente di verificare se i risultati sono di suo gradimento, in un secondo momento è possibile intervenire con l’inserimento di protesi per rendere definitivo il risultato della malaroplastica.
Soprattutto nel caso in cui si sia optato per l’utilizzo di protesi zigomatiche al fine di donare nuovamente volume, turgore o importanza agli zigomi il Dott. Zorzetto consiglia sempre di prendere in considerazione la possibilità di sottoporsi ad interventi di chirurgia estetica combinati ovvero combinare appunto l’aumento degli zigomi con, ad esempio, la blefaroplastica (intervento agli occhi), con il lifting del viso o con la mentoplastica in modo tale da sfruttare i punti di accesso per l’inserimento delle protesi. Anche la rinoplastica (rimodellamento del naso) è un intervento che accompagna spesso la malaroplastica poiché entrambe contribuiscono a donare armonia al viso ed al profilo del paziente.

Tecniche chirurgiche

Le procedure chirurgiche a disposizione per aumentare il volume degli zigomi sono semplici dal punto di vista puramente tecnico ma devo essere eseguite da medici esperti di chirurgia estetica e medicina estetica poiché, specialmente nei casi di intervento dal risultato irreversibile, il/la paziente potrebbe ritrovarsi in situazioni in cui invece di ottenere una maggiore armonia del viso quest’ultimo risulta deformato a causa dell’eccessivo aumento degli zigomi.
Le tecniche chirurgiche proprie della malaroplastica prevedono l’utilizzo di sostanze di riempimento (fillers o tessuto adiposo autologo) o protesi zigomatiche.
La tecnica chirurgica utilizzata per aumentare gli zigomi attraverso l’impiego di protesi (di materiali diversi: Gorotex e Silastic) prevede una piccola incisione (1,5 o 2 cm) all’interno della bocca, la creazione di una tasca al di sopra della struttura ossea nella zona che intendiamo risollevare ed il successivo inserimento delle protesi zigomatiche da parte del Dott. Clemente Zorzetto. Questo intervento di chirurgia estetica termina con la sutura dei lembi prodotti dall’incisione.
L’accesso endobuccale (all’interno della bocca) non è la sola tecnica chirurgica per aumentare il volume degli zigomi inserendo protesi poiché queste possono essere collocate anche praticando una sottilissima incisione sul bordo della palpebra inferiore (accesso transpalpebrale). Solitamente si utilizza quest’ultima metodologia quando la malaroplastica è programmata in combinazione con l’intervento di blefaroplastica (intervento di chirurgia estetica per eliminare le classiche “borse” degli occhi) . I risultati ottenuti attraverso l’inserimento di protesi zigomatiche sono da considerarsi permanenti anche se, con l’andare del tempo che determina il globale rilassamento cutaneo di tutto il viso, è possibile che la prominenza degli zigomi ne risenta.
Sia con l’utilizzo della tecnica di Lipofilling che di Lipostruttura, l’aumento degli zigomi è raggiunto attraverso microiniezioni di grasso autologo (preventivamente aspirato dalla paziente stessa con cannule sottilissime).
La differenza tra Lipofilling e Lipostruttura sta nel fatto che la prima tecnica non prevede un passaggio aggiuntivo intermedio tra quello dell’aspirazione del tessuto adiposo e la relativa re-immissione per aumentare il volume degli zigomi, parliamo, cioè, del procedimento di centrifuga del grasso aspirato per separarlo dagli altri fluidi (acqua e sangue) così da ottenere grasso puro.
I risultati della malaroplastica posta in essere utilizzando tessuto adiposo sono permanenti e l’intervento può essere effettuato in ambulatorio.
Aumentare gli zigomi con i fillers (materiali di riempimento) come l’acido ialuronico o polilattico comporta numerosi vantaggi: innanzitutto i risultati sono temporanei (circa un anno per il primo e fino a due per il secondo) quindi il/la paziente ha la possibilità di valutare la nuova fisionomia ed eventualmente anche di non procedere con le sedute di mantenimento tornando così ad avere gli zigomi esattamente come li aveva prima delle microiniezioni. La procedura utilizzata è portata a termine, in brevissimo tempo (20/30 minuti) in sede ambulatoriale e necessita solo di anestesia locale della parte da trattare.
Il Dott. Clemente Zorzetto può procedere all’aumento degli zigomi iniettando il filler per gradi, in più sedute, fino al raggiungimento del risultato desiderato che è mantenuto con trattamenti periodici.

Post-intervento

L’utilizzo di fillers o di tessuto adiposo per aumentare gli zigomi implica un periodo post-operatorio assai breve (2 o 3 giorni per tornare alle normali attività).
Dopo l’inserimento delle protesi zigomatiche è possibile avvertire un leggero senso di gonfiore della parte trattata, il fastidio/dolore può essere ottimamente tenuto sotto controllo con normali analgesici e l’eventuale ematoma che potrebbe formarsi nella zona trattata tende al riassorbimento spontaneo nell’arco di 10 giorni.
Il Dott. Zorzetto raccomanda de evitare l’esposizione al sole (compresi i solarium) per le successive 3 o 4 settimane.

Rischi e complicanze

In linea generale, l’aumento degli zigomi, indipendentemente dalla tecnica utilizzata, è tra gli interventi di chirurgia estetica che presenta meno rischi in senso assoluto.
L’utilizzo di fillers permanenti o semipermanenti per eseguire la malaroplastica ha fatto, però, spesso registrare casi di infezione di difficile soluzione ecco perché il Dott. Clemente Zorzetto preferisce non utilizzare questo tipo di riempimenti per non esporre il/la paziente a rischi inutili.