Chirurgia estetica seno

seno“Chirurgia estetica” e “seno” sembrano essere diventati un connubio inscindibile nell’immaginario collettivo ed anche nella casistica del Dott. Clemente Zorzetto occupano un posto di preminenza.
Il seno rappresenta da sempre la caratteristica principale del corpo femminile poichè racchiude in se l’idea di maternità, femminilità e richiamo sessuale. Il decoltè pronunciato, alto e sodo è motivo di vanto e insindacabile sinonimo di giovinezza.
Soprattutto negli ultimi anni, si è assistito ad una prevaricazione dell’apparire sull’essere e non solo nel mondo dello spettacolo e di quello della carta patinata bensì anche nella quotidianità e questo ha spinto molte donne a voler a tutti i costi migliorare parti del loro corpo già pressochè perfette.
Accanto alla sparuta minoranza di cui sopra, però, non dobbiamo dimenticare che esistono casi in cui la chirurgia estetica del seno ha permesso a molte altre donne di migliorare il rapporto con se stesse e quindi anche il modo con cui si pongo nei confronti della società e dei rapporti con le altre persone od anche negli affetti.
La chirurgia plastica non deve essere vista come l’esasperata rincorsa della giovinezza lasciata alle spalle bensì come un concreto aiuto per risolvere e migliorare il rapporto tra il proprio corpo e la mente (anche in giovane età).

Mastoplastica additiva

La mastoplastica additiva è l’intervento di chirurgia estetica per aumentare il volume del seno utilizzando protesi mammarie in silicone e, nell’immaginario collettivo rappresenta l’intervento principe di questa branca della medicina.
L’intervento di mastoplastica additiva oltre a risolvere situazioni estetiche dovute ad esempio al seno poco sviluppato, è in grado di ripristinare l’equilibrio psico-emotivo di una donna andando ad esempio a correggere asimmetrie mammarie o situazioni di disagio dovute a seno troppo rilassato e svuotato…

Mastoplastica riduttiva

La chirurgia estetica del seno annovera tra le sue fila anche la mastoplastica riduttiva ovvero l’intervento estetico volto a ridurre le dimensioni delle mammelle ed a rimodellarne la forma.
Adottando differenti tecniche di chirurgia estetica è possibile eliminare i disagi funzionali (disordini muscolo-scheletrici) e psicologici causati dal seno troppo sviluppato e far così acquisire alla paziente non solo un nuovo profilo proporzionalmente più adatto alla sua figura ma anche una nuova consapevolezza del suo corpo facendola sentire più sicura nelle relazioni sociali ed in quelle di coppia.
Compito del chirurgo estetico è quello di individuare il tipo di ipertrofia mammaria, quantificare il materiale adiposo e/o ghiandolare da asportare e studiare la procedura migliore per donare al seno una nuova forma più contenuta ma anche più tonica e pronunciata.
Alle donne molto giovani (anche prima della maggiore età) che, soprattutto dal punto di vista psicologico, soffrono di ipertrofia mammaria e alle donne non più giovanissime ma la cui elasticità cutanea ancora lo permette, la chirurgia estetica riserva un’arma in più ovvero la mastoplastica riduttiva con lipoaspirazione il cui vantaggio risulta evidente specie nelle ridotte cicatrici residue.

Mastopessi, Lifting del seno

Nell’ambito della chirurgia estetica, la mastopessi o lifting del seno ha lo scopo di rimodellare il seno troppo rilassato attribuendogli nuovamente una aspetto tonico e giovane. Nello specifico, l’intervento estetico di mastopessi tende ad eliminare la cute in eccesso e ricollocare l’areola ed il capezzolo nella posizione pre-rilassamento donando al seno un aspetto naturale, più voluminoso e tonico. Diverse sono le cause che possono aver contribuito all’abbassamento e svuotamento delle mammelle e questa situazione può pregiudicare il buon rapporto che una donna ha con il proprio corpo anche in relazione alla sua vita sociale e di coppia. La chirurgia estetica può porvi rimedio.
Il lavoro del chirurgo plastico è quello di valutare, durante la visita pre-mastopessi, la situazione della paziente unitamente ai risultati che questa desidera raggiungere, individuare la tecnica chirurgica migliore per la mastopessi in esame, descrivere alla candidata i rischi a cui potrebbe andare incontro, il decorso post-mastopessi e le cicatrici che il lifting al seno può lasciare.
Le procedure di chirurgia estetica applicate al seno rilassato e svuotato possono ridare sicurezza ad una donna facendole dimenticare i postumi di gravidanze impegnative o dimagrimenti repentini permettendole di ricominciare a vivere un rapporto con se stessa e con gli altri più spensierato.